Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

Dante

scheda sintetica

Chi scrive non è un critico letterario, ma un cultore di filosofia, e come tale pubblica alcune brevi considerazioni sulla Divina Commedia: inutile dirlo, senza alcuna pretesa.

la divina Commedia

alcuni suoi detrattori

C'è chi la critica pesantemente, anche tra i cattolici: penso a von Balthasar, eminente teologo, ma anche a Giacomo Contri, geniale psicoanalista.

Il primo le rimprovera soprattutto l'Inferno, dove Dante cristallizzerebbe in modo definitivo il destino di buona parte del genere umano; il che va contro l'idea, accarezzata dal teologo svizzero, di una possibile salvezza per tutti i figli di Adamo.

Il secondo, che - devo confessare - conosco su questo tema più per frammenti che per un sistematico studio, ha svariate riserve riconducibili in ultima analisi all'uso dantesco di un concetto di natura, un po' troppo ... naturalistico.

Quanto diremo nei cenni seguenti può essere letto anche come risposta a tali obiezioni.

che cos'è la Commedia

Dico che cosa è per me, almeno; sulla scorta soprattutto di un autore, che l'ha saputa leggere con simpatia, Romano Guardini, nei suoi Studi su Dante, tr.it. Morcelliana.

  • non si tratta di una presunt(uos)a rivelazione di ciò che ci sarà nell'eternità,
  • piuttosto si tratta di una lettura del presente, storico,
  • visto però nella sua profonda verità, nel suo rapporto all'eternità

La convinzione che sta alla base è che il presente, nella sua incerta variabilità, acquista pienamente senso solo se rapportato all'eterno, al definitivo.

Ma per fare questo non occorre profetizzare ciò che accadrà alla fine: basta guardare con onestà ciò che è sotto i nostri occhi: l'Inferno è già da adesso, è adesso per quanti disprezzano il Mistero che ci ha creati, e il Paradiso è adesso, per chi accetta l'Iniziativa del Mistero.

Non stiamo dicendo che non ci siano un Inferno e un Paradiso ultraterreni. Stiamo dicendo che di loro abbiamo un convincente assaggio in questa vita, ed è esattamente di questo assaggio che la Divina Commedia anzitutto tratta.

Così trova risposta l'accusa di von Balthasar: Dante non pretende di “imbalsamare” nessuno, ma guarda la storia (la fede è infatti in un Dio che si è fatto uomo, perciò non deve distogliere gli occhi dalla realtà concreta, storica) con occhi che ne cercano il senso più profondo, oltre l'apparente trionfo dei cattivi e la apparente sconfitta dei buoni.

Se egli cita i nomi e le circostanze di ben precisi personaggi storici non è perché pretenda di definirne davvero il destino eterno, che solo il supremo Giudice conosce, ma perché i loro casi concreti, nel bene o nel male esemplificano, almeno imperfettamente, le grandi scelte che ogni uomo è chiamato a compiere in questa vita.

naturalismo?

Forse questa accusa potrebbe reggere riguardo alle idee politiche di Dante, la cui fiducia nel potere imperiale appare francamente sproporzionata. E potrebbe avere qualche verità anche in qualche altro caso particolare (pensiamo ad esempio alla sua stupefacente, bizzarra stima per Sigieri di Brabante).

Ma nell'insieme ci sembra che Dante rispecchi in modo sostanzialmente corretto il rapporto natura/soprannaturale, quale era stato custodito nella tradizione cattolica a lui precedente: la natura infatti non viene idolatrata, ipostatizzandola in una presunta autosufficienza, ma vista in termini di dinamico orientamento verso un compimento soprannaturale, che solo la gratuita liberalità del Mistero può compiere.

Virgilio (la ragione naturale) guida sì Dante per un lungo tratto (Inferno e Purgatorio), ma

  • solo per una previa intercessione di Beatrice e delle altre Donne (dunque per una iniziativa soprannaturale)
  • e solo grazie all'intervento dell'Angelo dal ciel messo egli può varcare la soglia della Città di Dite, senza essere pietrificato dalla Megera: solo per grazia cioè l'uomo può guardare alla sua miseria più profonda, andando oltre i suoi peccati più superficiali, quelli passionali;
  • e la Grazia (/Beatrice) anima costantemente la speranza di Dante lungo tutto il suo cammino di purificazione, non costituendo perciò solo la spinta iniziale o una meta estrinseca al suo viaggio, ma informando di sé l'intero percorso dantesco.

Certo, Dante è convinto che esista una natura (umana e infraumana) dotata di una sua consistenza e di sue leggi: ma in questo è in ottima compagnia: S.Tommaso, ma anche la corrente “agostinista”.

una corretta gerarchia del male

Non possiamo tacere un altro apprezzabile elemento nella Commedia, ossia la gerarchizzazione del male in base alla lucidità della consapevolezza soggettiva, piuttosto che in base alla materia oggettiva: i peccati passionali (gola, lussuria) sono puniti in modo più leggero, perché minore ne è stata la volontarietà; mentre lo stesso suicidio o la stessa bestemmia contro il Creatore (punito il sabbione infuocato), in quanto imputabili a scelte in cui la passionalità ha comunque inciso fortemente, sono puniti meno duramente del male freddamente premeditato, il tradimento.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: facebook | Blog

sostienici



Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

valid XHTML | valid CSS | cookies | privacy

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.